• Startseite
  • Presse
  • IT-2016
  • Prima degustazione PAR® al mondo in una stanza virtuale: premio internazionale dei vini biologici - l’edizione della primavera 2020 con 648 vini da 18 paesi
22
Mai
2020

Prima degustazione PAR® al mondo in una stanza virtuale: premio internazionale dei vini biologici - l’edizione della primavera 2020 con 648 vini da 18 paesi

I partecipanti confidano nella trasparenza e nella comprensibilità, anche online

Frasdorf, maggio 2020 - Proprio come la vita quotidiana di questi giorni, anche la prima di due degustazioni in occasione del premio internazionale dei vini biologici 2020 ha risentito dell’influenza della pandemia legata al Coronavirus: si è svolta completamente in una stanza virtuale, nel pieno rispetto degli standard PAR® e con l’aiuto di 28 degustatori in tutta la Germania. Una sfida organizzativa*) che, grazie all’esperienza dei degustatori PAR® Certified Master e all’infrastruttura digitale consolidata della WINE System AG, è stata superata con la stessa qualità di sempre. È ciò in cui confidavano anche i viticoltori di tutto il mondo che anche in questi tempi difficili non volevano rinunciare alla gara di qualità. Così la giuria PAR® ha potuto degustare 648 vini da 18 paesi. In totale, sono state assegnate 58 Gran Medaglie d’Oro, 307 Medaglie d’Oro, 249 Medaglie d’Argento e 28 raccomandazioni.

Con 262 vini presentati, al premio internazionale dei vini biologici 2020 la Germania è il paese del vino maggiormente rappresentato, seguita dall’Austria e dall’Italia. Pertanto, sono queste tre nazioni quelle a cui spetta il maggior numero di medaglie nell’ambito delle Gran Medaglie d’Oro. Nella classe di eccellenza è tuttavia possibile trovare anche vini biologici dalla Spagna, dalla Francia e dalla Tracia.

Per consentire ai produttori una maggiore flessibilità in termini di maturazione e stoccaggio dei vini presentati, per la prima volta la gara PAR® 2020 viene suddivisa in una degustazione in primavera e una in autunno. Un ulteriore vantaggio è che tutti i viticoltori internazionali che non hanno potuto partecipare a causa delle difficoltà logistiche dovute alle misure adottate per combattere il Coronavirus, avranno un’altra occasione a ottobre. Il termine ultimo per l’iscrizione alla degustazione in autunno è il 25 settembre 2020.

I viticoltori biologici dell’Italia vincono 13 Gran Medaglie d’Oro, 75 Medaglie d’Oro, 47 Medaglie d’Argento e sei raccomandazioni: i due favoriti tra i vini biologici presentati dall’Italia sono, con 98 punti ciascuno, il Pinot Nero di Casa Rossa IGT del 2013 dallo stile moderno, maturato in una barrique della Fattoria La Vialla in Toscana e il Montefalco Rosso Riserva doc del 2016 maturato in una botte di legno di Antonelli San Marco in Umbria: una cuvée a base di Sangiovese, Montepulciano e Sagrantino. Nella categoria dei vini bianchi, il “Goldraut” Souvignier Gris del 2018 dell’azienda vinicola Zollweghof in Alto Adige raggiunse con 97 punti il punteggio massimo: un vino naturale maturato in anfora. I due migliori vini italiani da dessert della classifica con 97 punti ciascuno: il Montefalco Sagrantino Passito docg del 2014 di Antonelli San Marco dallo stile moderno, maturato in una botte di legno e il Vin Santo Occhio di Pernice DOC del 2013 della Fattoria La Vialla, torchiato dai vitigni Sangiovese e Trebbiano e maturato in una barrique in modo ossidativo.
Nella categoria dei vini rosati, con 93 punti e una Medaglia d’Oro il punteggio massimo spetta al Mitterberg Rosé “Planties Rosé” IGT del 2019: una cuvée fermentata in un serbatoio di acciaio a base di Chambourcin e Prior dell’azienda vinicola St.Quirinus in Alto Adige.
Con 92 punti e una Medaglia d’Oro, il migliore della classe nella categoria dei vini spumanti è: il Castelmare Prosecco Organico del 2019 dell’azienda vinicola Mare Magnum in Veneto: torchiato dal vitigno Glera e maturato in un serbatoio di acciaio in modo riduttivo.

Forte partecipazione, livello complessivo senza precedenti e nuove categori
Nel 2020 il concorso per il premio internazionale dei vini biologici viene bandito con due date: rispettivamente per una degustazione in primavera e una degustazione in autunno. Le ragioni di tale modifica sono da ricondurre da una parte all’aumento annuale del numero di partecipanti e quindi alla garanzia della qualità; dall’altra alla facilità d’uso già menzionata. Il direttore della degustazione Martin Darting afferma al riguardo: “Questa idea di qualità sembra convincere i viticoltori; nonostante le ripercussioni legate alla pandemia del Coronavirus, il numero dei partecipanti è stato sorprendentemente alto e i vini biologici presentati in media di una qualità senza precedenti.”
Per poter affrontare con valutazioni differenziate l’enorme varietà stilistica che accompagna una simile degustazione internazionale, oltre alle categorie comuni come quella dei vini rossi o bianchi, i PAR
® Certified Master facenti parte della giuria lavorano da sempre con parametri enologici come l’ossidazione e la riduzione nonché la tradizione e la modernità. Nella gara di qualità attuale, questi sono stati ampliati con l’aggiunta di tre sotto-categorie stilistiche: vino naturale, vino terroir**) e vino con accento sull’estratto***). Un’azienda vinicola, che nell’ambito della degustazione attuale ha raggiunto risultati eccellenti sia con vini terroir che con vini con accento sull’estratto, è la Fattoria La Vialla in Toscana con un totale di cinque Gran Medaglie d’Oro. Nella nuova categoria dei vini naturali rientra tra l’altro il vincitore complessivo tra i vini bianchi, ovvero il “Goldraut” del 2018 del Zollwegerhof. Tutti gli altri risultati di questo settore sono disponibili qui.

La classifica integrale insieme alle griglie di valutazione sono disponibili sul sito bioweinpreis.de.

Informazioni integrative

*)Per la degustazione online in occasione del premio internazionale dei vini biologici 2020, tutti i vini presentati sono stati tematicamente associati, anonimizzati e numerati per i degustatori in base a parametri climatici, stilistici e analitici, prima di essere prelevati dalla confezione sul posto e presentati ai membri della giuria secondo l’ordine stabilito. Si tratta di una situazione nuova anche per i degustatori che, grazie a standard di degustazione definiti, hanno raggiunto l’elevata riproduzione dei risultati PAR®.

**) Vini con riferimento terroir: il termine “terroir” definisce l’interazione di fattori quali terreno, clima, varietà e intervento dell’uomo. Un vino terroir si contraddistingue quindi meno per il rispetto di specifiche caratteristiche sensoriali o norme legate al sapore, bensì grazie al fatto che esso rispecchia per l’appunto queste quattro unità. A tale proposito, la metodica PAR® si concentra prevalentemente sulle impronte climatiche che possono essere mostrate con la scelta del vitigno adatto. Ripartendo lo stile in “moderno” e “tradizionale” (in questo caso conta tra l’altro la maturazione del vino riduttiva oppure ossidativa), nella valutazione PAR® fa in modo che la “filosofia del viticoltore” spesso nominata venga assegnata correttamente. Un bagaglio ricco di esperienze, un processo di verifica e una serie di standard definiti aiutano gli esaminatori PAR® a prendere la decisione giusta.

I vini terroir della degustazione di primavera 2020 nella classifica: Risultati 2020 - Vino Terroir

***) Vini a base di estratto: Questa nuova categoria nel premio internazionale dei vini biologici riassume vini che, indipendentemente dalla loro origine, convincono grazie alla densità e forza espressiva sensoriale.

I vini con accento sull’estratto della degustazione di primavera 2020 nella classifica: Risultati 2020 - Vini con accento sull’estratto

 Informazioni supplementari:

La valutazione secondo il PAR®: Grazie alla trasparenza del sistema di valutazione sensoriale PAR riconosciuto a livello internazionale, ciascun vino biologico presentato ottiene una documentazione trasparente e obiettiva delle sue proprietà sensoriali ed enologiche, valutate sempre in relazione alla rispettiva originalità, provenienza e tipo di produzione. Il corso di formazione PAR® consente alla giuria qualificata composta solitamente da enologi, sommelier accreditati IHK e professionisti del reparto enologico con relativa qualifica, ciascuno dei quali “PAR® certified masters”, di valutare in modo neutro ciascun vino e di escludere dalla valutazione preferenze personali o pregiudizi in merito al “buon gusto”. Nel contesto dell’enologia moderna, gli stili enologici internazionali ottengono il loro riconoscimento e consenso esattamente come i vini prodotti in modo tradizionale. Oltre all’interesse che suscita il premio di vino, molti produttori apprezzano le analisi ricche di informazioni alla base della valutazione PAR®. Queste mostrano esattamente quali criteri hanno determinato il rispettivo risultato e fungono da prezioso strumento nella gestione della qualità dei vini. Il sistema garantisce una valutazione oggettiva nello schema a 100 punti PAR®, basata su una documentazione trasparente.

La WINE System AG, fondata nel 1999, con la sua estesa ed informativa banca dati, è la base del sistema di valutazione PAR® sviluppato da Martin Darting e rappresenta un valido e competente partner per viticoltori, commercianti così come per il pubblico del settore del vino e dell'analisi sensoriale. Come co-sviluppatore di questo innovativo e trasparente metodo di valutazione per prodotti esaminabili in modo sensoriale, come pane, Olio d’Oliva, formaggio, ecc., WINE System, sotto la guida di Martin Darting e Brigitte Wüstinger, organizza rinomati concorsi come il premio internazionale dei vini biologici, il PAR® Wine Award International ed il Premio dei Vini Piwi. La banca dati con i suoi più di 40.000 vini è apprezzata a livello internazionale come portale informativo complessivo e costituisce in molti campi un’applicazione professionale di notevole importanza. www.winesystem.de

Contatto

WINE System AG
Martin Darting e
Brigitte Wüstinger
Daxa 8
83112 Frasdorf
Tel.
+49 8032-91633-20
Fax +49 8032-91633-49
bueroDiese E-Mail-Adresse ist vor Spambots geschützt! Zur Anzeige muss JavaScript eingeschaltet sein!

Ufficio stampa

WINE System AG
Sonja Hartung

Daxa 8
83112 Frasdorf
Tel.
+49 8032-91633-0
Fax +49 8032-91633-49
Diese E-Mail-Adresse ist vor Spambots geschützt! Zur Anzeige muss JavaScript eingeschaltet sein!

 

 

Copyright © 2009 - 2019 WINE System AG. Alle Rechte vorbehalten.